Protezione Civile: Dopo oltre Vent’anni dico Addio

Dopo avervi riportato lo sfogo di un Dirigente della Protezione Civile Nazionale oggi vi trascriviamo quanto inviatoci da un Volontario. Parole forti che però ci fanno pensare, ragionare e riflettere su cosa stia accadendo.

“Cari amici di Newsroom dopo aver visto il vostro articolo sullo sfogo di un Dirigente della Protezione Civile ho deciso di scrivervi e di raccontarvi la mia, se pur piccola ma significativa, storia. 

Io sono un ex volontario di Protezione Civile e si, purtroppo devo dire un ex perché pochi mesi fa ho rassegnato le mie dimissioni, e con me molti volontari, dal gruppo che avevo contribuito a fondare e che avevo diretto come presidente per molti anni. 

Ho iniziato a far Protezione Civile oltre 20 anni fa, quasi 25, e devo dire che nel corso di questi anni ho vissuto momenti davvero speciali che, nonostante situazioni davvero drammatiche dovute a scenari catastrofici, mi hanno saputo dare molto e che so aver contribuito, per quel che potevo, a rendere meno drammatici. Sono intervenuto ad Alessandria, in Umbria, Abruzzo e in innumerevoli incendi boschivi nel nord Italia; ho cercato di conseguire tutte le certificazioni possibili al fine di poter offrire un servizio pronto, efficace e qualificato alle popolazioni colpite da calamità e non per ultimo ho aiutato a dar vita ad un Gruppo Intercomunale che nel corso di questi oltre 20 anni si era distinto per impegno, dedizione e professionalità. 

Tutto bello fino a quando è iniziato il lento declino del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile dopo l’addio del grande Guido Bertolaso e la politica si è intromessa massicciamente in un settore nel quale non avrebbe mai dovuto metter becco! Sopratutto a livello locale! 

Assessori Provinciali incompetenti prima e nuovi Sindaci incapaci dopo hanno portato me e molti miei colleghi volontari a dire basta! Basta con queste intromissioni che hanno visto negli ultimi anni sindaci intromettersi pesantemente su cosa dovesse acquistare o no il nostro Gruppo: “Voi dovete comprare una colonna fari perché a me serve per le sagre” (ad esempio) o su che tipo di servizi dovessimo fare: Notti bianche, servizi per funerali, pulizie di aiuole e manutenzione di parchi giochi. QUESTA NON È PROTEZIONE CIVILE! 

Questo non è quello per cui vent’anni fa ho deciso di indossare la divisa! La Protezione Civile è altro! Ho, abbiamo, cercato di resistere il più possibile ma dopo l’ultima riunione con il Sindaco abbiamo deciso di dire basta. 

5 anni d’inferno, 5 anni in cui il Sindaco ci ha ripetutamente cambiato sede (una stanza), 5 anni in cui venivano fatte continue e costanti pressioni, 5 anni in cui tutti noi non abbiamo mai desistito dallo svolgere il nostro dovere, 5 anni che ci hanno però segnato nell’anima e nello spirito. 

Con sommo dolore e dispiacere qualche mese fa ci siamo riuniti noi volontari ed abbiamo deciso di dire basta e di concludere un’avventura iniziata anni e anni fa. Sappiamo che molti volontari stanno vivendo la nostra condizione e vi ho scritto per questo motivo. Non sono qui a dirvi resistete ma a dirvi l’esatto contrario! Un volontario non può vivere con ansia, malessere e turbamento il proprio servizio. Se avete un sindaco, o più sindaci, incapaci di capire cosa sia la Protezione Civile, a cosa serva e quando impiegarla lasciate stare! 

Non potete essere schiavi della politica, di sindaci che cambiano ogni 5 anni e ogni volta vi fanno riparte da zero. Sempre a dover spiegare, cercare di capire e sperare di risultar simpatici al Sindaco di Turno. 

So che le mie parole sono forti, alcuni non le condivideranno ma credetemi io l’ho fatto e vi sto scrivendo dalla caserma dei Vigili del Fuoco dove sto iniziando il mio percorso come volontario! Qui ho ritrovato lo spirito di servizio e la libertà che avevo perso! Qui finalmente mi sento a casa, c’è una casa (e non vane promesse di una sede mai arrivata)! 

 Concludo questo mio sfogo appoggiando quanto detto dal Dirigente della Protezione Civile nel vostro articolo è ora di trasformazione del sistema di volontariato in una struttura facente parte il Dipartimento dei Vigili del Fuoco o la politica distruggerà definitivamente tutto!  

Voglio dire due parole a tutti quei volontari che invece hanno ceduto alle pressioni dei sindaci e che vedo quotidianamente tagliare aiuole, pulire strade o far servizi ai funerali: vergognatevi! Voi siete la causa di tutto ciò! Voi avete ceduto ed avete aperto gravissimi precedenti che hanno messo in ginocchio il volontariato di Protezione Civile! A quei volontari che invece riescono a lavorare bene, con serenità e senza piegarsi a sindaci incompetenti voglio solo dire GRAZIE! Grazie per quel che fate e che farete…. fino al prossimo sindaco.”

Se anche tu vuoi raccontarci la tua storia inviacela tramite messaggio privato alla nostra pagina facebook.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here