Vai al contenuto

Ecco cosa fare in caso di Terremoto

Ovunque siate in quel momento, è molto importante mantenere la calma e seguire alcune semplici norme di comportamento.

l territorio italiano è esposto al rischio sismico, quindi prepararsi ad affrontare il terremoto è fondamentale.
La sicurezza dipende soprattutto dalla casa in cui abitate. Se è costruita in modo da resistere al terremoto, non subirà gravi danni e vi proteggerà. Ovunque siate in quel momento, è molto importante mantenere la calma e seguire alcune semplici norme di comportamento.

Cosa succede a un edificio?

Una scossa sismica provoca oscillazioni, più o meno forti, che scuotono in vario modo gli edifici. Le oscillazioni più dannose sono quelle orizzontali. Gli edifici più antichi e quelli non progettati per resistere al terremoto possono non sopportare tali oscillazioni, e dunque rappresentare un pericolo per le persone. È il crollo delle case che uccide, non il terremoto. Oggi, tutti i nuovi edifici devono essere costruiti rispettando le normative sismiche.

Anche il prossimo terremoto farà danni?

Dipende soprattutto dalla forza del terremoto (se ne verificano migliaia ogni anno, la maggior parte di modesta energia) e dalla vulnerabilità degli edifici. Nella zona in cui vivi già in passato i terremoti hanno provocato danni a cose e persone. È possibile quindi che il prossimo forte terremoto faccia danni: per questo è importante informarsi, fare prevenzione ed essere preparati a un’eventuale scossa di terremoto.

Quando avverrà il prossimo terremoto?

Nessuno può saperlo, perché potrebbe verificarsi in qualsiasi momento. Sui terremoti sappiamo molte cose, ma non è ancora possibile prevedere con certezza quando, con quale forza e precisamente dove si verificheranno. Sappiamo bene, però, quali sono le zone più pericolose e cosa possiamo aspettarci da una scossa: essere preparati è il modo migliore per prevenire e ridurre le conseguenze di un terremoto.

In quale zona vivi

L’Italia è un Paese interamente sismico, ma il suo territorio è classificato in zone a diversa pericolosità. Chi costruisce o modifica la struttura della casa è tenuto a rispettare le norme sismiche della propria zona, per proteggere la vita di chi ci abita. Per conoscere la zona sismica in cui vivi e quali sono le norme da rispettare, rivolgiti agli uffici competenti della tua Regione o del tuo Comune. SCOPRI IN CHE ZONA SISMICA VIVI

La sicurezza della tua casa

È importante sapere quando e come è stata costruita la tua casa, su quale tipo di terreno, con quali materiali. E soprattutto se è stata successivamente modificata rispettando le norme sismiche. Se hai qualche dubbio o se vuoi saperne di più, puoi rivolgerti all’ufficio tecnico del tuo Comune oppure a un tecnico di fiducia.

>>> COSA FARE IN CASO DI TERREMOTO

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Terremoto Parma, prosegue lo sciame sismico: continuo monitoraggio
Una serie di oltre 150 scosse di terremoto ha colpito la provincia di Parma, con due scosse principali di magnitudo 3.6 e 3.1, seguite da una di magnitudo 4.2. C'è preoccupazione per possibili scosse più intense, considerando la faglia sismica coinvolta.
continua a leggere...
Terremoto Umbria, due scosse di magnitudo 3.1 e 3.5 a Spoleto
Terremoto di magnitudo 3. e 3.1 a Spoleto: Profondità di 7.8 km. Ulteriori aggiornamenti dall'INGV. Norme di sicurezza in caso di eventi sismici.
continua a leggere...
Terremoto nel Parmense, l’INGV “Uno sciame sismico simile al 2012”
Scosse sismiche agitano la Provincia di Parma: cosa ci riserva il futuro? Presidente dell'Ingv parla di rischi e incertezze. Scopri di più sul fenomeno.
continua a leggere...