Vai al contenuto

Gaza, l’Onu chiede il cessate il fuoco immediato: una svolta storica

Per la prima volta, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione che chiede un cessate il fuoco immediato a Gaza, con l’astensione degli Stati Uniti.

In una mossa senza precedenti, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza. Questa decisione rappresenta un punto di svolta significativo nella gestione del conflitto tra Israele e Hamas, che ha visto mesi di stallo e violenze inasprite.

La risoluzione, approvata il 25 marzo 2024, ha ottenuto il consenso quasi unanime dei membri del Consiglio, ad eccezione degli Stati Uniti che hanno scelto di astenersi. La richiesta di un cessate il fuoco immediato è motivata dalla volontà di garantire un periodo di pace durante il mese sacro musulmano del Ramadan, con l’obiettivo di facilitare l’accesso umanitario e rispondere alle esigenze mediche e umanitarie della popolazione di Gaza.

La decisione dell’Onu è stata accolta con un lungo applauso, segno dell’importanza e della speranza che questa risoluzione porta con sé. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha sottolineato l’importanza di preservare la vita della popolazione di Gaza e ha evidenziato un crescente consenso internazionale sulla necessità di un cessate il fuoco. Guterres ha anche messo in guardia contro le conseguenze disastrose che un’eventuale invasione di terra a Rafah potrebbe comportare, sottolineando l’importanza di un consenso internazionale per evitare un disastro umanitario.

“Il Consiglio di Sicurezza Onu ha appena approvato una risoluzione tanto attesa su Gaza, chiedendo un cessate il fuoco immediato e il rilascio di tutti gli ostaggi. Questa risoluzione deve essere attuata, un fallimento sarebbe imperdonabile”.

La risoluzione chiede esplicitamente che il cessate il fuoco sia rispettato da tutte le parti coinvolte e mira a stabilire le condizioni per un cessate il fuoco duraturo. Inoltre, la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, ha espresso la sua opposizione a un’offensiva su larga scala a Rafah, sottolineando l’importanza di proteggere la popolazione civile.

Questo sviluppo arriva in un momento critico, in cui le tensioni nella regione hanno raggiunto livelli allarmanti. Solo recentemente, le forze israeliane hanno arrestato 15 palestinesi in Cisgiordania, portando il numero totale di arresti dal 7 ottobre a 7.770. Inoltre, è stato sventato un tentativo di contrabbando di armi iraniane in Cisgiordania, dimostrando la complessità e la pericolosità della situazione attuale.

La risoluzione dell’Onu rappresenta un passo importante verso la de-escalation del conflitto e la protezione delle vite umane. Resta da vedere come le parti coinvolte risponderanno a questa chiamata per la pace e se sarà possibile trovare una soluzione duratura al conflitto che affligge la regione da decenni.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Indonesia, vulcano Ruang in eruzione: allerta tsunami -VIDEO-
In seguito all'eruzione del vulcano Ruang in Indonesia, le autorità hanno emesso un'allerta tsunami e ordinato l'evacuazione di oltre 11mila persone, chiudendo l'aeroporto di Manado per 24 ore.
Credit © YouTube
continua a leggere...
Sardegna, vasto incendio nel Cagliaritano: Canadair in azione -VIDEO-
Un vasto incendio ha colpito le campagne di Sarroch, in Sardegna, causando l'evacuazione di abitazioni e l'intervento di mezzi aerei.
continua a leggere...
Arriva CNN Italia, Mentana direttore e Warner punta all’acquisto di La7
Enrico Mentana pronto a lasciare La7 per dirigere la nuova CNN Italia, e Warner Bros Discovery punta ad acquistare La7
continua a leggere...