Vai al contenuto

Il mistero della cima mancante, le teorie sulla Grande Piramide di Giza

La Grande Piramide di Giza: un mistero senza cima. Una teoria antica suggerisce una chiave energetica mancante, mentre nuove ricerche del 2018 rivelano sorprendenti potenzialità nello sfruttamento dell’energia.

Credit © Ahmed Afifi

Cairo, Egitto – La Grande Piramide di Cheope, costruita intorno al 2560 a.C. in soli 20 anni, è un’opera architettonica incredibile che suscita ancora oggi un’enorme curiosità e sospetti. Come l’ultima delle sette meraviglie del mondo antico ancora in piedi, questa struttura presenta un’enigmatica mancanza: la sua cima non è appuntita come ci si aspetterebbe. Secondo la tradizione antica, prima del completamento della piramide, doveva essere aggiunta una pietra di copertura, originariamente fatta di diorite, granito o calcare finissimo, rivestita poi d’oro.

Le teorie su questa mancanza sono molteplici e spesso avvolte da un alone di mistero. Alcuni esperti ritengono che il colore dorato simboleggiasse la ricchezza e la gloria dei faraoni, mentre altri teorizzano che il metallo assorbisse l’energia solare e costituisse la parte principale della struttura, fungendo da chiave per un presunto meccanismo. Queste speculazioni alimentano la curiosità su possibili funzioni sconosciute della piramide, aggiungendo ulteriori strati di mistero alla sua costruzione e alla sua destinazione finale.

Un’ulteriore teoria, supportata da ricerche del 2018 svolte dal controverso ricercatore Corrado Malanga, suggerisce che la piramide potrebbe aver raccolto e concentrato energia elettromagnetica alla sua base. Questa scoperta offre un’ulteriore prospettiva sulle possibili funzioni della struttura, sollevando interrogativi su come questa energia sia stata utilizzata o immagazzinata e quale ruolo abbia avuto nella vita quotidiana del popolo dell’antico Egitto.

Tuttavia, l’enigma della cima mancante è ancora avvolto dal mistero dell’evento che ha portato alla sua sparizione. Circa 2500 anni fa, la cima della Grande Piramide di Giza è scomparsa, presumibilmente rubata insieme ad altri tesori al suo interno. Questo evento ha generato numerose speculazioni e ipotesi sull’identità dei responsabili e sulle possibili ragioni dietro questo furto. La mancanza di prove concrete e la scarsità di testimonianze storiche rendono questo mistero ancora più avvincente e suscita l’interesse di studiosi, appassionati di storia e avventurieri di tutto il mondo.

Una curiosità, il faraone Cheope non è mai esistito, il nome corretto del faraone è Khufu pertanto dovremmo prima o poi iniziare a chiamarla con il suo vero nome ovvero Piramide di Khufu.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Faenza, bimba di 5 anni interrompe la chemio: gara di solidarietà
A Faenza, la piccola Sara Cantagalli, dopo aver interrotto la chemio per un neuroblastoma resistente: gara di solidarietà per realizzare i suoi sogni.
Credit © Facebook
continua a leggere...
Meteo, previsioni dettagliate per il Weekend del 20-21 Aprile
Weekend con tempo incerto e temperature sotto la media, piogge sparse e neve sui monti.
continua a leggere...
Alluvione a Dubai, colpa del “cloud seeding”? Cos’è e come funziona
Le recenti alluvioni che hanno colpito Dubai sollevano dubbi sull'efficacia e le conseguenze del "cloud seeding", tecnica di modifica del clima usata per indurre pioggia.
Credit © istock
continua a leggere...