Vai al contenuto

Luna, scoperto un nuovo minerale ed elio-3: combustibile per la fusione nucleare

Missione spaziale cinese rivela nuovi segreti lunari: minerale inedito, acqua e potenziale da 1,54 trilioni di dollari. Cosa nasconde il suolo lunare?

La recente missione spaziale cinese Chang’E-5 ha portato a casa un tesoro scientifico senza precedenti, con la scoperta di un nuovo minerale lunare e l’identificazione di risorse di potenziale importanza economica e tecnologica.

I campioni di suolo lunare riportati sulla Terra hanno rivelato la presenza di un nuovo minerale, denominato Changesite-(Y), il quale è stato ufficialmente riconosciuto dall’Associazione Mineralogica Internazionale. Questo minerale si presenta sotto forma di un cristallo trasparente dalle dimensioni di 10 x 7 x 4 micron, aggiungendo un nuovo capitolo alla nostra comprensione della composizione lunare.

Inoltre, gli esami condotti sui campioni hanno confermato la presenza di acqua nelle rocce lunari, con una quantità approssimativa di circa 30 parti di idrossile per milione, sottolineando la crescente evidenza della presenza di acqua sulla Luna.

Tuttavia, la vera sorpresa è stata la scoperta della presenza di elio-3 nella polvere lunare. L’elio-3 è un isotopo raro sulla Terra ma abbondante sulla Luna, con stime che suggeriscono la presenza di circa 1,1 milioni di tonnellate di questo prezioso elemento sulla superficie lunare. Ciò si traduce in un valore economico strabiliante, stimato intorno a 1,54 milioni di miliardi di dollari.

Questa scoperta non è solo di interesse economico, ma anche tecnologico. L’elio-3 ha il potenziale di essere utilizzato come combustibile per la fusione nucleare, un processo in grado di generare energia senza produrre scorie radioattive. Tuttavia, la fusione di deuterio ed elio-3 richiederebbe temperature estremamente elevate, presentando sfide significative dal punto di vista tecnologico.

L’interesse per l’estrazione di risorse dalla Luna, compreso l’elio-3, sta crescendo nonostante le sfide tecniche e organizzative coinvolte in tali operazioni. Mentre l’entusiasmo per sfruttare le risorse lunari cresce, è evidente che la comunità scientifica e le agenzie spaziali dovranno affrontare sfide significative per tradurre queste scoperte in operazioni di estrazione efficienti e sostenibili.

La missione Chang’E-5 ha quindi aperto la strada a un nuovo capitolo nell’esplorazione spaziale, offrendo non solo nuove informazioni sulla Luna, ma anche una prospettiva intrigante sul potenziale economico e tecnologico delle risorse lunari. Il futuro dell’esplorazione spaziale sembra ora puntare alla Luna come una fonte di risorse preziose e, potenzialmente, di energia pulita per il nostro pianeta.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Il mistero della cima mancante, le teorie sulla Grande Piramide di Giza
La Grande Piramide di Giza: un mistero senza cima. Una teoria antica suggerisce una chiave energetica mancante, mentre nuove ricerche del 2018 rivelano sorprendenti potenzialità nello sfruttamento dell'energia.
Credit © Ahmed Afifi
continua a leggere...
Il cappotto termico è infiammabile? Facciamo chiarezza
Il cappotto termico è infiammabile? Scopriamo insieme come capire se il cappotto termico delle case è davvero infiammabile e come individuare invece pannelli antincendio per una massima protezione e sicurezza.
Credit © Vigili del Fuoco
continua a leggere...
Possiamo essere spiati dalla fotocamera del telefono o del Pc? Si! Ecco come proteggerci
Scopri come la tua privacy potrebbe essere a rischio tramite la fotocamera di PC e smartphone. Dai malware alle app ingannevoli, impara a proteggerti con consigli efficaci in questo articolo essenziale sulla sicurezza digitale.
Credit © Photo by TheRegisti
continua a leggere...