Vai al contenuto

Malattia Carnivora, Bassetti: “Casi anche in Italia. Fondamentale diagnosi e sorveglianza”

L’allarme per la Malattia Carnivora si estende dal Giappone all’Italia, con casi in aumento e una mortalità del 30%. La diagnosi precoce e la sorveglianza sono cruciali per combattere questa infezione batterica grave.

L’Italia, seguendo l’allarme sollevato in Giappone, si trova a fronteggiare un aumento dei casi di infezione da streptococco di tipo A, noto anche come “malattia carnivora” a causa della sua capacità di causare necrosi dei tessuti. Matteo Bassetti, direttore di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, sottolinea l’importanza della diagnosi precoce e della sorveglianza per affrontare questa minaccia emergente.

In Giappone, l’allarme per la sindrome da shock tossico streptococcico (Stss) è cresciuto significativamente, con un aumento dei casi che ha superato la metà del totale registrato l’anno precedente. Al 17 marzo 2024, si contavano 88 casi solo a Tokyo e 517 a livello nazionale, con un tasso di mortalità che si aggira intorno al 30%. Questa infezione batterica, causata dallo streptococco A, può manifestarsi con sintomi inizialmente simili a quelli di un raffreddore, ma in rari casi può evolvere in condizioni più gravi come mal di gola, tonsillite, polmonite e meningite, portando a insufficienza d’organo e necrosi.

Gli esperti ritengono che l’aumento dei casi di Stss sia associato a una variante batterica nota come ceppo M1UK, rilevata sempre più spesso nei pazienti colpiti da metà novembre 2023. La trasmissione dello streptococco di gruppo A può avvenire per via respiratoria o per contatto diretto, così come attraverso ferite a mani e piedi. Le autorità sanitarie sottolineano l’importanza di misure preventive di base come il lavaggio frequente delle mani e una cura adeguata delle ferite.

Anche in Italia si registra un aumento dei casi, come confermato da Bassetti, che evidenzia come lo streptococco aggressivo rappresenti un problema anche nel nostro Paese. La situazione richiede un’attenzione particolare alla sorveglianza e alla diagnosi precoce per prevenire la diffusione dell’infezione e ridurre il tasso di mortalità associato a questa grave malattia.

La situazione della Malattia Carnivora in Giappone e in Italia pone l’accento sull’importanza di una diagnosi tempestiva e di una sorveglianza attenta per combattere efficacemente questa infezione batterica potenzialmente letale. La collaborazione tra le autorità sanitarie internazionali e la condivisione di informazioni saranno fondamentali per monitorare l’evoluzione di questa minaccia alla salute pubblica.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Malattia Carnivora, Allarme in Giappone: cos’è, sintomi, contagio e prevenzione
La "malattia carnivora", causata da batteri mangia-carne, registra un aumento dei casi in Giappone. Sintomi gravi e contagio principalmente tramite ferite e goccioline respiratorie.
continua a leggere...
Giappone, allarme massimo per la diffusione della “Malattia Carnivora”
In Giappone si registra un'impennata di casi della sindrome da shock tossico streptococcico (STSS), una rara ma grave infezione batterica con un tasso di mortalità del 30%. Autorità in allerta.
Credit © Jérémy Stenuit
continua a leggere...
Meteo, domenica 14 aprile apice del caldo con picchi di 30 gradi: ecco dove
Un'ondata di caldo precoce sta interessando l'Europa con temperature fino a 12°C sopra la media, simili a quelle di giugno o inizio luglio.
continua a leggere...