Vai al contenuto

Spazio, il satellite Ers-2 rientrerà incontrollato nell’atmosfera terrestre

Il satellite Ers-2 dell’Agenzia Spaziale Europea rientrerà incontrollato in atmosfera tra il 16 e il 22 febbraio, suscitando un rischio minimo.

Il satellite per l’osservazione della Terra Ers-2, un veicolo spaziale di circa 2.294 chilogrammi, sta per fare il suo ritorno nell’atmosfera terrestre, poiché l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) ha confermato che il rientro avverrà tra il 16 e il 22 febbraio. Secondo le stime dell’Esa, il satellite si spezzerà in frammenti a circa 80 chilometri dalla superficie terrestre. Nonostante ciò, l’Agenzia assicura che la maggior parte dei frammenti brucerà nell’atmosfera, e quelli che raggiungeranno la Terra non conterranno sostanze tossiche o radioattive.

Secondo l’esperto di dinamica spaziale Luciano Anselmo, il rischio che una persona sia colpita da un detrito del satellite è molto basso, stimato a 1 su 10.000. Questa valutazione del rischio è stata fatta in rapporto alla popolazione mondiale che verrà sorvolata dal satellite in caduta.

“Possiamo dire genericamente che per un satellite di questa massa si stima che il rischio che una persona sia colpita da un detrito è pari a 1 su 10.000: una probabilità bassissima, che va spalmata sui miliardi di persone di tutto il mondo che verranno sorvolate dal satellite in caduta”

Il satellite Ers-2 è stato lanciato in orbita nell’aprile 1995 ed è rimasto operativo per ben 16 anni, durante i quali ha raccolto dati di grande importanza su oceani, calotte polari, suolo, disastri naturali, buco dell’ozono e gas inquinanti in atmosfera. La missione si è conclusa nel 2011.

Dopo 66 manovre di deorbita, il satellite è stato completamente passivato nel settembre 2011. A seguito di ciò, la sua altitudine media è stata abbassata da 785 a 573 chilometri per garantire un rientro in atmosfera entro 15 anni. L’Esa ha dichiarato di essere in costante monitoraggio del satellite mentre le sue orbite decadono e fornirà aggiornamenti regolari sul suo rientro in atmosfera, dal momento che non è possibile prevedere esattamente dove e quando avverrà.

“Poiché il rientro del satellite è ‘naturale’ e non vi è alcuna possibilità di effettuare ulteriori manovre è impossibile sapere esattamente dove e quando rientrerà nell’atmosfera e inizierà a bruciare. Lo Space Debris Office dell’Esa sta monitorando il satellite mentre le sue orbite decadono e fornirà aggiornamenti regolari”.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Veneto: continua l’allerta meteo rossa di Protezione Civile
L’area ciclonica mediterranea che sta interessando il nostro Paese, ha innescato un flusso di correnti meridionali umide ed instabili sulle regioni meridionali tirreniche. Nelle prossime ore la perturbazione interesserà anche le restanti regioni del Sud e del medio versante adriatico, con precipitazioni diffuse, che localmente potranno risultare anche intense. Sulla base delle previsioni disponibili, il… Leggi tutto »Spazio, il satellite Ers-2 rientrerà incontrollato nell’atmosfera terrestre
continua a leggere...
Amazon Prime Video diventa a pagamento, quanto costa e come averlo gratis
Il popolare servizio di streaming cerca di bilanciare l'offerta di contenuti di qualità con un modello economico sostenibile: arriva così il piano a pagamento.
continua a leggere...
Fastweb compra Vodafone Italia? Cosa cambia ora
Fastweb acquisisce Vodafone Italia per 8 miliardi di euro, puntando a diventare leader europeo della banda larga e a cambiare il panorama delle telecomunicazioni, con possibili conseguenze per i concorrenti.
continua a leggere...