Vai al contenuto

Spazio, rilevata per la prima volta la materia oscura

Gli scienziati hanno finalmente individuato la materia oscura che si estende attraverso l’universo, intrappolando le galassie come gocce di rugiada su una ragnatela.

Il mondo dell’astronomia è stato sconvolto da una scoperta senza precedenti, poiché per la prima volta gli astronomi sono riusciti a rilevare la materia oscura che si estende dai filamenti massicci che attraversano l’universo e formano una “rete cosmica” che intrappola le galassie come la rugiada del mattino su una ragnatela.

Il team di ricercatori dell’Università di Yonsei a Seoul, in Corea del Sud, ha sapientemente utilizzato il potente telescopio Subaru per osservare indirettamente la materia oscura seduta sui filamenti della rete cosmica nel Cluster Coma. Questa osservazione è stata possibile grazie all’effetto che la gravità ha sulla luce, aprendo nuove prospettive per lo studio della materia oscura e della sua influenza sulla struttura dell’universo.

Credit © HyeongHan et al

Il Cluster Coma, noto anche come Abell 1656, rappresenta una raccolta di oltre mille galassie ed è situato a una distanza di circa 321 milioni di anni luce da noi, nella direzione della costellazione Coma Berenices. Questo cluster galattico ha fornito un palcoscenico unico per indagare la presenza della materia oscura all’interno dei filamenti della rete cosmica.

La rete cosmica, costituita da filamenti di materia, svolge un ruolo vitale nell’alimentare gas nelle galassie, favorendone la crescita e facilitando il processo di aggregazione delle galassie stesse. Questa scoperta apre nuove prospettive sulla comprensione di come la materia oscura, che costituisce circa l’85% di tutta la materia nell’universo, influenzi la formazione e l’evoluzione delle strutture cosmiche.

Nonostante la sua predominanza nell’universo, la materia oscura rimane invisibile poiché non interagisce con la luce come la materia ordinaria, che include stelle e polvere, rendendo estremamente complesso il suo studio e la sua individuazione. Tuttavia, gli scienziati sono riusciti a superare questa sfida sfruttando l’effetto della lente gravitazionale per rilevare per la prima volta l’effetto di debolezza della materia oscura dei filamenti intracluster con il telescopio Subaru, aprendo nuove possibilità per studi futuri in questo campo.

Questa straordinaria scoperta ha ulteriormente confermato l’esistenza della struttura su larga scala che si estende attraverso l’universo. La rilevazione della materia oscura sui segmenti terminali della rete cosmica rappresenta un passo epocale nella comprensione della struttura dell’universo e delle forze che ne guidano l’evoluzione.

Questa incredibile scoperta non solo conferma l’esistenza della materia oscura all’interno dei filamenti della rete cosmica, ma apre anche nuove opportunità per studiare da vicino il ruolo e l’influenza della materia oscura sulla formazione delle strutture cosmiche. La ricerca nello spazio profondo continua a sorprenderci, aprendo finestre su mondi e fenomeni che sfidano la nostra comprensione e ci spingono a esplorare le profondità dell’universo in modi mai pensati prima.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

BTP Valore 2024, rendimenti al 3,25% i primi tre anni poi 4%
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze annuncia la terza emissione del Btp Valore con tassi allettanti. Scopri di più sulle opportunità di investimento entro il 1 marzo.
continua a leggere...
Artico, CNR: il ghiaccio si sta riducendo con velocità senza precedenti
Il ghiaccio marino artico sta affrontando una rapida diminuzione, con conseguenze significative sull'ambiente globale.
Credit © Willian Justen de Vasconcellos
continua a leggere...
Meteo, previsioni dell’Areonautica Militare fino al 24 Marzo
Scopri la tendenza meteo fino al 24 Marzo elaborata dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare
continua a leggere...