Vai al contenuto

Stellantis e Renault, il governo francese lavora a una fusione

Il governo francese sta considerando una fusione tra Stellantis e Renault per rafforzare l’industria automobilistica. La possibile unione solleva preoccupazioni sulla posizione degli impianti italiani. La partecipazione del governo francese potrebbe ridisegnare il potere decisionale, influenzando gli impianti italiani.

L’industria automobilistica francese è in fermento mentre il governo francese sta lavorando a una possibile fusione tra Stellantis e Renault. L’obiettivo di questa mossa è rafforzare il settore automobilistico del paese e contrastare la crescente concorrenza cinese e tedesca. Questa possibile unione potrebbe avere un impatto significativo sugli impianti italiani di produzione di Stellantis, sollevando preoccupazioni e incertezze sul futuro del settore automobilistico in Italia.

Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis, ha espresso preoccupazione per il destino degli impianti italiani dell’azienda, evidenziando che il Governo italiano non sta supportando adeguatamente l’acquisto di auto elettriche. Questo solleva interrogativi sul coinvolgimento italiano in Stellantis, mettendo in luce possibili rischi per gli impianti produttivi del Paese.

Attualmente, Exor, la holding della famiglia Agnelli, detiene la maggioranza delle azioni di Stellantis, seguita da Peugeot e Bpifrance. Tuttavia, in caso di fusione con Renault, le quote di potere e di voto verrebbero ridefinite, portando a un rimescolamento delle carte nell’assetto azionario dell’azienda. Il presidente di Stellantis John Elkann si è affrettato a smentire una possibile fusione ma potrebbe essere una mossa per raffreddare le azioni del Gruppo Renault che, dopo le indiscrezioni, stanno volando in borsa.

La partecipazione del governo francese tramite Bpifrance potrebbe influenzare significativamente le decisioni aziendali, diminuendo il peso decisionale delle parti italiane e aumentando i rischi per gli impianti produttivi in Italia. Questo scenario solleva interrogativi sul futuro delle operazioni di produzione in Italia e sull’equilibrio di potere all’interno di Stellantis.

La possibile fusione tra Stellantis e Renault rappresenta un punto di svolta significativo per l’industria automobilistica francese, con implicazioni cruciali per gli impianti di produzione italiani e per l’equilibrio di potere all’interno dell’azienda. Il coinvolgimento del governo francese e le preoccupazioni espresse da Carlos Tavares gettano luce su un futuro incerto, mentre l’industria e gli osservatori del settore attendono con trepidazione le prossime mosse e decisioni che plasmeranno il panorama automobilistico europeo.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Mercato auto europeo, immatricolazioni in aumento a Gennaio
A gennaio 2024, le vendite auto in Europa crescono dell'11,5%. Stellantis registra un aumento del 15%. Le auto elettriche rappresentano l'11,9% del mercato.
continua a leggere...
Stellantis, John Elkann: “Nessun nuovo piano di fusione”
Il presidente di Stellantis, John Elkann, esclude piani di fusione, confermando il focus su Dare Forward e progetti per rafforzare la presenza globale, compresa l'Italia. Impegno nel tavolo automobilistico per la transizione elettrica.
continua a leggere...
Stellantis, il Ministro Urso risponde a Tavares “Se Stellantis vende meno in Italia è un problema suo”
Il Ministro italiano invita Stellantis a rivedere le strategie di vendita e marketing per competere sul mercato. "Se Stellantis vende meno di Volkswagen in Italia è un problema suo"
continua a leggere...