Vai al contenuto

Telepathy, il chip di Neuralink che aiuterà chi ha perso l’uso delle gambe

Neuralink impianta il primo chip cerebrale in un essere umano: il futuro della tecnologia o un rischio da considerare? Scopri i dettagli sorprendenti di questo annuncio rivoluzionario e le controversie che lo circondano.

Neuralink, l’azienda fondata da Elon Musk, ha recentemente raggiunto un traguardo significativo nell’ambito della tecnologia neurale. Musk e il suo team hanno impiantato con successo il primo chip cerebrale chiamato “Telepathy” in un essere umano. Il Telepathy non legge i pensieri direttamente, ma interpreta i segnali cerebrali associati all’intenzione di compiere un movimento, consentendo a un robot esterno di eseguire l’azione al posto di persone paralizzate o paraplegiche.

Elon Musk ha dichiarato che, inizialmente, il chip verrà utilizzato per aiutare coloro che hanno perso l’uso delle gambe. Tuttavia, l’obiettivo a lungo termine è assai ambizioso: consentire il controllo di dispositivi come telefoni e computer direttamente dal cervello.

L’annuncio dell’impianto è avvenuto solamente due giorni dopo l’intervento stesso. Il paziente si sta riprendendo bene e i risultati iniziali sono promettenti. Tuttavia, le sperimentazioni fatte finora da Neuralink su scimmie e maiali non sono mai state descritte in riviste scientifiche, suscitando polemiche e dibattiti.

Secondo il neurologo Paolo Maria Rossini, l’entusiasmo per l’annuncio è poco motivato in assenza di pubblicazioni scientifiche dettagliate. L’unico resoconto del chip era stato fornito nel 2019 da Elon Musk nel “Neuralink White Paper”.

Il chip Telepathy, delle dimensioni di un bottone, ospita ben mille elettrodi flessibili che trasmettono i segnali cerebrali all’esterno in modalità wireless, permettendo a un robot di eseguire azioni in base alle intenzioni del paziente.

Secondo Luca Berdondini dell’Istituto Italiano di Tecnologia, questo esperimento possiede un notevole potenziale clinico e la tecnologia è promettente, ma le aziende private come Neuralink dispongono di risorse ingenti che la ricerca pubblica non ha. Berdondini sottolinea che queste aziende generano conoscenze e tecnologie non diffuse alla comunità scientifica, limitando l’informazione e la regolamentazione.

In conclusione, l’impianto del chip cerebrale “Telepathy” rappresenta un passo significativo nel campo della tecnologia neurale. Se da un lato suscita entusiasmo per le possibilità che potrebbe aprire in termini di recupero funzionale, dall’altro solleva interrogativi etici e scientifici sull’informazione e la regolamentazione di tali tecnologie avanzate.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Veneto: continua l’allerta meteo rossa di Protezione Civile
L’area ciclonica mediterranea che sta interessando il nostro Paese, ha innescato un flusso di correnti meridionali umide ed instabili sulle regioni meridionali tirreniche. Nelle prossime ore la perturbazione interesserà anche le restanti regioni del Sud e del medio versante adriatico, con precipitazioni diffuse, che localmente potranno risultare anche intense. Sulla base delle previsioni disponibili, il… Leggi tutto »Telepathy, il chip di Neuralink che aiuterà chi ha perso l’uso delle gambe
continua a leggere...
Amazon Prime Video diventa a pagamento, quanto costa e come averlo gratis
Il popolare servizio di streaming cerca di bilanciare l'offerta di contenuti di qualità con un modello economico sostenibile: arriva così il piano a pagamento.
continua a leggere...
Fastweb compra Vodafone Italia? Cosa cambia ora
Fastweb acquisisce Vodafone Italia per 8 miliardi di euro, puntando a diventare leader europeo della banda larga e a cambiare il panorama delle telecomunicazioni, con possibili conseguenze per i concorrenti.
continua a leggere...