Vai al contenuto

Terremoto in Emilia causato dalle estrazioni di petrolio. Ecco l’inquietante sospetto

Le ricerche di un pool di scienziati internazionali aprono ad una inquietante ipotesi circa le cause che hanno causato il terremoto che colpì l’Emilia nel 2012

Terremoto-Finale-Emilia-2

Una notizia che potrebbe cambiare radicalmente tutto quel che è accaduto, o per lo meno, nell’individuazione di possibili colpevoli. Una relazione top secret è stata consegnata da un panel internazionale di scienziati e ricercatori alla Regione Emilia-Romagna e secondo le anticipazioni fornite dalla rivista americana “Science” il terremoto che ha sconvolto l’Emilia nel 2012 potrebbe essere stato provocato dalle pressioni esercitate sulla crosta terreste per l’estrazione di greggio in un giacimento a circa 20km dall’epicentro della prima scossa.

Secondo i ricercatori è che la faglia fosse vicina al punto di rottura e che l’attività estrattiva del petrolio abbia funzionato da innesco per l’evento sismico. Le conclusioni del panel non sono un atto d’accusa ma lasciano aperti molti dubbi riguardanti quanto l’attività dell’uomo possa aver accelerato o aumentato un fenomeno che si sarebbe comunque potuto verificare.

 

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Terremoto in Emilia causato dalle estrazioni di petrolio. Ecco l’inquietante sospetto

Le ricerche di un pool di scienziati internazionali aprono ad una inquietante ipotesi circa le cause che hanno causato il terremoto che colpì l’Emilia nel 2012

Terremoto-Finale-Emilia-2

Una notizia che potrebbe cambiare radicalmente tutto quel che è accaduto, o per lo meno, nell’individuazione di possibili colpevoli. Una relazione top secret è stata consegnata da un panel internazionale di scienziati e ricercatori alla Regione Emilia-Romagna e secondo le anticipazioni fornite dalla rivista americana “Science” il terremoto che ha sconvolto l’Emilia nel 2012 potrebbe essere stato provocato dalle pressioni esercitate sulla crosta terreste per l’estrazione di greggio in un giacimento a circa 20km dall’epicentro della prima scossa.

Secondo i ricercatori è che la faglia fosse vicina al punto di rottura e che l’attività estrattiva del petrolio abbia funzionato da innesco per l’evento sismico. Le conclusioni del panel non sono un atto d’accusa ma lasciano aperti molti dubbi riguardanti quanto l’attività dell’uomo possa aver accelerato o aumentato un fenomeno che si sarebbe comunque potuto verificare.

 

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Veneto: continua l’allerta meteo rossa di Protezione Civile
L’area ciclonica mediterranea che sta interessando il nostro Paese, ha innescato un flusso di correnti meridionali umide ed instabili sulle regioni meridionali tirreniche. Nelle prossime ore la perturbazione interesserà anche le restanti regioni del Sud e del medio versante adriatico, con precipitazioni diffuse, che localmente potranno risultare anche intense. Sulla base delle previsioni disponibili, il… Leggi tutto »Terremoto in Emilia causato dalle estrazioni di petrolio. Ecco l’inquietante sospetto
continua a leggere...
Allerta Meteo Piemonte, scuole chiuse in alcune frazioni dell’Alessandrino
Maltempo nell'Alessandrino e neve a Vinadio: problemi e criticità. Scuole chiuse, strade bloccate e allagamenti.
continua a leggere...
Messico, il vulcano Popocatepetl minaccia Città del Messico
Il vulcano Popocatepetl nel Messico centrale manifesta un'attività intensa, suscitando preoccupazione tra le autorità. Un'allerta è stata emessa a causa delle continue emissioni di ceneri e vapore acqueo dal cratere.
continua a leggere...