Vai al contenuto

UE, avviata procedura d’infrazione contro l’Italia sulle norme sulla caccia

La Commissione europea avvia un’azione contro l’Italia per violazioni delle direttive UE sulla caccia e l’uso del piombo nelle munizioni. L’ENPA sottolinea le possibili multe che potrebbero ricadere sulla popolazione.

La Commissione Europea ha preso una decisa mossa nei confronti dell’Italia, avviando una procedura di infrazione in risposta alla non conformità alle direttive dell’Unione Europea sulla caccia. In particolare, la Commissione ha evidenziato la violazione della direttiva sugli uccelli e del regolamento Reach, il quale limita l’uso di piombo nelle munizioni al fine di tutelare gli uccelli acquatici e l’ambiente.

La Commissione ha sollevato preoccupazioni riguardo alla legislazione italiana che consente alle regioni di autorizzare la caccia in aree protette e durante i periodi in cui la caccia è vietata, contravvenendo così alla direttiva sugli uccelli. Inoltre, è stata evidenziata la non conformità della legislazione italiana alle disposizioni del regolamento Reach in merito all’uso del piombo nelle munizioni.

L’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA) ha immediatamente commentato l’azione intrapresa dalla Commissione europea, esortando il governo italiano a ritirare tutte le proposte di legge e i provvedimenti volti a soddisfare i cacciatori. Inoltre, l’ENPA ha chiesto al governo italiano di impugnare le leggi che risultano essere contrarie al diritto europeo e incostituzionali.

L’ENPA ha sottolineato che l’inerzia del governo italiano di fronte a tali richieste potrebbe portare a conseguenze finanziarie significative per l’Italia e i suoi cittadini. L’ente ha avvertito che, nel caso in cui il governo non dovesse agire di conseguenza, l’Italia potrebbe essere soggetta a pesanti sanzioni pecuniarie, le quali ricadrebbero sulla popolazione italiana contraria alla caccia anziché sui cacciatori, gli armieri o i politici.

In ultima analisi, l’ENPA ha sottolineato che, in caso di multe, queste non sarebbero a carico dei diretti interessati come cacciatori, armieri o politici, bensì ricadrebbero sulla popolazione italiana contraria alla caccia. La situazione evidenzia una sfida legale e sociale di ampia portata, che richiede un’azione immediata da parte del governo italiano per evitare possibili conseguenze negative in termini di sanzioni e impatti sulla popolazione.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Veneto: continua l’allerta meteo rossa di Protezione Civile
L’area ciclonica mediterranea che sta interessando il nostro Paese, ha innescato un flusso di correnti meridionali umide ed instabili sulle regioni meridionali tirreniche. Nelle prossime ore la perturbazione interesserà anche le restanti regioni del Sud e del medio versante adriatico, con precipitazioni diffuse, che localmente potranno risultare anche intense. Sulla base delle previsioni disponibili, il… Leggi tutto »UE, avviata procedura d’infrazione contro l’Italia sulle norme sulla caccia
continua a leggere...
Amazon Prime Video diventa a pagamento, quanto costa e come averlo gratis
Il popolare servizio di streaming cerca di bilanciare l'offerta di contenuti di qualità con un modello economico sostenibile: arriva così il piano a pagamento.
continua a leggere...
Fastweb compra Vodafone Italia? Cosa cambia ora
Fastweb acquisisce Vodafone Italia per 8 miliardi di euro, puntando a diventare leader europeo della banda larga e a cambiare il panorama delle telecomunicazioni, con possibili conseguenze per i concorrenti.
continua a leggere...