Vai al contenuto

Una tempesta di sabbia sahariana si dirige verso Italia e Grecia

Una massiccia tempesta di sabbia proveniente dal Sahara sta per raggiungere l’Italia e la Grecia, con potenziali effetti sulla salute e sull’ambiente.

Una tempesta di sabbia di proporzioni notevoli, originata nel deserto del Sahara, sta attraversando l’Europa e si prevede che nei prossimi giorni interesserà l’Italia e la Grecia. Questo fenomeno, che ha già affascinato e preoccupato molte persone per le sue spettacolari immagini satellitari, porta con sé non solo un cambiamento visivo del cielo, che assume tonalità arancioni, ma anche potenziali rischi per la salute e l’ambiente.

Le immagini catturate dal satellite Sentinel 3 Copernicus il 25 gennaio mostrano l’impressionante estensione della nube di sabbia, che ha già influenzato le condizioni atmosferiche tra le Isole Canarie e Capo Verde. Gli esperti stanno monitorando attentamente l’evoluzione di questo fenomeno naturale, valutando gli impatti potenziali e studiando come la nube di sabbia potrebbe interagire con i sistemi meteorologici locali.

Le tempeste di sabbia e polvere, note come SDS (Sand and Dust Storms), sono fenomeni di erosione eolica che possono trasportare materiali superficiali anche a grandi distanze. Questi eventi possono contenere microrganismi patogeni, inquinanti e allergeni, con possibili conseguenze negative sulla salute umana, in particolare per quanto riguarda le malattie respiratorie.

Inoltre, le SDS hanno un impatto significativo sugli ecosistemi, la sicurezza alimentare e possono interferire con il traffico aereo e navale. Emblematico è il caso della Dust Bowl negli Stati Uniti negli anni ’30, che ha avuto effetti devastanti su raccolti, bestiame e salute umana.

La situazione attuale in Europa è allarmante, poiché circa 2 miliardi di tonnellate di sabbia e polvere vengono sollevate ogni anno nell’aria, con conseguenze pesanti per l’agricoltura, l’industria, i trasporti e la salute umana. Le tempeste di sabbia, come haboob o harmattan, compromettono la qualità dell’aria e dell’acqua, mettendo a rischio la vita anche a migliaia di chilometri di distanza dalle zone desertiche.

Di fronte a questo scenario, è fondamentale adottare misure preventive e di protezione. Tra queste, la promozione di pratiche agricole sostenibili, la prevenzione della degradazione del suolo, la conservazione della vegetazione e la preparazione alle emergenze, come l’utilizzo di sacchi di sabbia per proteggere strutture e proprietà.

La comunità scientifica internazionale sta collaborando per analizzare i dati e ottenere una panoramica completa di questo fenomeno, mentre le popolazioni coinvolte sono invitate a osservare con cautela il passaggio di questa massiccia nube di sabbia e a seguire le raccomandazioni delle autorità locali per proteggere la propria salute.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Protezione Civile, esercitazione su bradisismo ai Campi Flegrei
Da lunedì 22 aprile prenderà il via la prima delle tre esercitazioni di protezione civile previste nel 2024 nell’area dei Campi Flegrei.
continua a leggere...
Allerta Meteo Protezione Civile, Allerta Gialla Temporali Forti: ecco dove
Il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile ha emesso una Allerta Meteo Gialla per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico. Elenco regioni in allerta
continua a leggere...
Mentana lascia La7 a fine anno, tutto pronto per il passaggio a Warner Discovery
Enrico Mentana, in un'intervista a La Stampa, ha fatto capire che non intende rinnovare il suo contratto con La7. Tutto pronto per una nuova avventura a Warner Discovery.
continua a leggere...