Vai al contenuto

Zealandia, mappato il continente perduto tra l’Antartide e l’Australia

Dopo anni di ricerche, gli scienziati hanno completato la mappatura di Zealandia, un continente sommerso tra l’Antartide e l’Australia, parte di un supercontinente 300 milioni di anni fa.

Gli scienziati hanno recentemente concluso un’importante tappa nelle loro ricerche, portando a termine la mappatura di Zealandia, un continente sommerso che si trova tra l’Antartide e l’Australia. Questa scoperta riveste un’enorme importanza, in quanto Zealandia è considerata un frammento mancante della crosta continentale, collegando l’Antartide e l’Australia. Dopo anni di studio e analisi, la sua mappatura è stata completata, rivelando dati sorprendenti e aprendo nuove opportunità per la comprensione della storia geologica della regione.

Credit © BBC

La mappatura di questo blocco di crosta continentale, noto anche come Te Riu-a-Māui, è stata possibile grazie all’esplorazione condotta attraverso campioni di roccia e mappe magnetiche. I risultati hanno svelato un’area di quasi 5 milioni di chilometri quadrati, fornendo agli scienziati un’importante prospettiva sulla formazione e la separazione di questa massa continentale dalle terre vicine nel corso della storia geologica.

La ricerca si è concentrata sull’analisi dei campioni di granito e sui minerali magnetici, come gli zirconi, che hanno fornito informazioni cruciali sulla formazione e sull’età della Zealandia. Secondo gli studiosi, l’area si è formata circa 100 milioni di anni fa. Questi dati sono stati ottenuti attraverso un attento esame dei campioni, che ha rivelato dettagli fondamentali sulla storia geologica di questa regione.

Utilizzando la mappatura magnetica, i ricercatori hanno individuato la disposizione delle rocce magnetiche, svelando connessioni con la separazione del supercontinente Gondwana e l’allontanamento della Zealandia, dell’Antartide e dell’Australia. Questa scoperta non solo fornisce una visione chiara della storia geologica della regione, ma getta anche nuova luce sulla complessa dinamica che ha portato alla formazione e separazione dei continenti nel corso dei millenni.

Secondo gli studiosi, la Zealandia è emersa come parte di un ciclo continentale che coinvolge la formazione e la frammentazione dei supercontinenti nel corso di centinaia di milioni di anni, con Pangea come supercontinente principale circa 300-250 milioni di anni fa. La Zealandia si è sprofondato nell’oceano circa 25 milioni di anni fa, emergendo solo parzialmente come le isole della Nuova Zelanda, della Nuova Caledonia e alcune isole dell’Australia. Questo ciclo di formazione e frammentazione dei supercontinenti è un aspetto cruciale nella comprensione della geologia della Terra e delle sue dinamiche evolutive.

Inoltre, gli scienziati ritengono che ulteriori campionamenti e analisi siano necessari per comprendere appieno la storia geologica della Zealandia. Questa nuova fase di ricerca potrebbe portare a ulteriori scoperte significative che contribuiranno a gettare nuova luce sulla formazione e l’evoluzione di questa massa continentale, aprendo la strada a nuove prospettive sulla storia geologica della Terra e dei suoi continenti sommersi.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Artico, CNR: il ghiaccio si sta riducendo con velocità senza precedenti
Il ghiaccio marino artico sta affrontando una rapida diminuzione, con conseguenze significative sull'ambiente globale.
Credit © Willian Justen de Vasconcellos
continua a leggere...
Inquinamento, Lombardia e Pianura Padana sempre più in pericolo
Scopri come l'inquinamento dell'aria in Lombardia e nella Pianura Padana minacci la salute e l'ambiente, rendendo la regione una delle più inquinate d'Europa. Leggi per capire l'urgenza di azioni per l'aria pulita.
continua a leggere...
Spazio, scoperto il Quasar più luminoso mai osservato
Scoperto il quasar più luminoso mai osservato, denominato J0529-4351, situato a 12 miliardi di anni luce dalla Terra, presenta un buco nero supermassiccio fino a 19 miliardi di volte la massa del sole.
Credit © ESO/M. Kornmesser
continua a leggere...